fanny and alexander | WEST
391
post-template-default,single,single-post,postid-391,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,elementor-default

WEST

Premio Ubu 2010 Miglior attrice protagonista a Francesca Mazza

Premio dello Spettatore 2010-2011 – Teatri di Vita

 


produzione Fanny & Alexander, Festival delle Colline Torinesi | ideazione Luigi de Angelis e Chiara Lagani
 | dj-set Mirto Baliani | 
drammaturgia Chiara Lagani
 | testi Chiara Lagani e Francesca Mazza | 
costumi Chiara Lagani e Sofia Vannini | regia, spazio scenico Luigi De Angelis | con Francesca Mazza | 
persuasori occulti Marco Cavalcoli e Chiara Lagani | realizzazione scenotecnica Nicola Fagnani (Atelier OperaOvunque) assieme a Giovanni Cavalcoli e Simonetta Venturini
 | sartoria Marta Benini
 | promozione e ufficio stampa Valentina Ciampi e Marco Molduzzi
 | logistica Sergio Carioli | 
amministrazione Marco Cavalcoli e Debora Pazienza
 | si ringraziano Ravenna Teatro – Teatro delle Albe, Davide Sacco


 

“West” è l’estremo dei punti cardinali della storia del Mago di Oz. Lo spettatore sarà “imprigionato” assieme a Dorothy da una strana forma di incantesimo, una trappola del linguaggio capace di sospendere a tratti la facoltà di esprimere un giudizio, la possibilità di compiere delle scelte, dire sì o no alle cose che saranno proposte.
Il lavoro, incentrato sulle tecniche della manipolazione sottile del linguaggio pubblicitario, intersecherà motivi mitici a motivi legati alla contemporaneità, alla cronaca e ai grandi emblemi dell’occidente.
Lo spettatore è qui un consumatore, oggetto di stimoli continui, soggetto alle trame sottili di una persuasione occulta ai suoi danni continuamente perpetrata, prigioniero e allo stesso tempo potenziale scardinatore della gabbia in cui è stato calato: scendere vigilmente nel pozzo profondo in cui precipita la truccatura della “strega”, le sofisticate tecniche della comunicazione massmediatica, vuol dire assumersi l’impresa della risalita, e al contempo il rischio del non ritorno.
“West” sarà una sorta di parabola contradditoria, una metafora dell’immaginario contemporaneo e delle sue derive, del potere che le immagini hanno su di noi.
Sullo sfondo l‘Occidente e i suoi simboli, e il corpo martoriato eppure incredibilmente “normale” della nostra società.