fanny and alexander | LUIGI DE ANGELIS
283
paged,page-template,page-template-blog-masonry,page-template-blog-masonry-php,page,page-id-283,paged-2,page-paged-2,tribe-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,elementor-default

Luigi De Angelis, nato il 29 settembre 1974 a Bruxelles, di nazionalità belga e italiana, parla francese e italiano come madrelingua, e il bilinguismo ne segna profondamente il rapporto con l’espressione e la lettura dei segni e dei linguaggi. È regista, scenografo, compositore, grafico, filmmaker, light e sound designer, attore. Ha studiato canto gregoriano e pianoforte. Le sue regie e ideazioni partono sempre da una interrelazione tra musica, spazio sonoro e spazio scenico, prendendo spunto dalle arti figurative e dal repertorio musicale contemporaneo. Assieme a Chiara Lagani, nel 1992 fonda la compagnia teatrale Fanny & Alexander con cui ha dato vita, nell’arco di venticinque anni, oltre a una settantina di creazioni, tra spettacoli teatrali, perfomance, installazioni ed eventi site-specific.
Dal 1995 al 1998 lavora nella Teddy Bear Company, compagnia di teatro per discoteche creata da Gerardo Lamattina particolarmente attiva in Italia e in particolare al Cocoricò di Riccione.
Dal 1999 collabora con il fotografo Enrico Fedrigoli e nel 2003 cura, assieme a Marco Martinelli, per l’editore Longo Ravenna viso-in-aria, libro fotografico che disegna un ritratto per immagini della città e del suo tessuto urbano come sfaccettato mosaico di strutture architettoniche industriali, corpi, visioni teatrali, topoi monumentali.
Nel 2012 è docente presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro per il Master in Educational Management per l’Arte Contemporanea.
Ha inoltre sviluppato un percorso di ricerca sul suono che ha dato vita a progetti musicali di grande originalità e spessore, tra cui Buco bianco, una sorta di affresco sonoro o soundscape di una città e In nomine lucis, progetto su Giacinto Scelsi, realizzato in collaborazione con deSingel di Anversa e che è stato anche presentato al Teatro Colon di Buenos Aires all’interno del Fiba 2017).

Dal 2015, ogni estate, Luigi De Angelis è invitato da Muziektheater Transparant a condurre una masterclass intensiva di due settimane rivolta a giovani musicisti e cantanti in un progetto condotto in collaborazione con deSingel International Arts Campus, Fondation Royaumont, Scherzi Musicali, Royal Conservatoire The Hague e il Royal Conservatoire Antwerp. Nel 2017 è ideatore, assieme a Michael Rauter, e regista di Serge, produzione belga-tedesca ispirata alla vita e alle imprese di Sergei Diaghilev. Ancora nel 2017, Luigi De Angelis firma la regia e il disegno sonoro dello spettacolo Da parte loro nessuna domanda imbarazzante che anticipa Storia di un’amicizia, dedicato alla quadrilogia L’amica geniale di Elena Ferrante.