fanny and alexander | CHIARA LAGANI
272
page-template,page-template-blog-masonry,page-template-blog-masonry-php,page,page-id-272,tribe-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,elementor-default

Chiara Lagani, nata il 3 dicembre 1974 a Ravenna, si laurea in lettere antiche all’Università di Bologna col massimo dei voti e la lode. Attrice e drammaturga compone testi teatrali originali e affronta più volte lavori di rielaborazione e riscrittura di testi poetici e di letteratura non solamente teatrale, approfondendo negli anni un metodo di lavoro intertestuale che passa attraverso la deflagrazione della pagina scritta per ricomporre i testi in una nuova unità poetica e narrativa coerente. Nel 1992 fonda a Ravenna con Luigi De Angelis Fanny & Alexander. Sin dagli esordi della compagnia, è direttrice artistica di Fanny & Alexander insieme a De Angelis, con cui condivide l’ideazione di tutti i progetti. Questi progetti spaziano dalla messa in scena di spettacoli, all’organizzazione di progetti culturali di ampio respiro non solo di tipo teatrale, ma anche legati al mondo dell’editoria e delle arti visive o della musica.

Nell’elaborazione dei suoi progetti drammaturgici collabora anche a più riprese con intellettuali del calibro di Stefano Bartezzaghi, Marco Belpoliti, Goffredo Fofi, Luca Scarlini, che spesso, oltre a partecipare attivamente come consulenti ai progetti del gruppo, la invitano a prender parte a progetti importanti e includono i suoi saggi nelle loro pubblicazioni e nelle riviste che dirigono.

Invita a presentare le loro opere, cercando fili che possano intrecciarsi ai percorsi letterari che nutrono la poetica del suo gruppo, autori come Victor Stoichita, Margherita Crepax, Marc Augé, Maria Sebregondi, Daniele Giglioli, Maurice Couturier, Alan Jay Edelnant, Jean Jacques Lecercle, Caterina Marrone, Antonella Sbrilli.

Spesso partecipa a convegni letterari invitata a testimoniare del suo lavoro di scrittura teatrale dentro uno dei gruppi più noti del panorama di ricerca italiano. Così avviene, tra gli altri esempi, per il convegno di anglistica dedicato a Lewis Carroll all’Università di Rennes (2003); a Venezia è chiamata a intervenire, dal gruppo della rivista Engramma, in relazione alla figura di Aby Warburg (2013); partecipa a tutte le edizioni della manifestazione Parole in Gioco diretta da Stefano Bartezzaghi ad Urbino (2006/2008); l’Università La Sapienza di Roma la chiama a tenere alcuni workshop per gli alunni del corso di storia dell’arte; è ospite ripetutamente negli anni del Lab. di Ricerca sulla Comunicazione Avanzata, Istituto di Comunicazione e Spettacolo, Facoltà di Sociologia, Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, tiene conferenze sul suo metodo drammaturgico a Stavanger (Norvegia) al RogalandTeater, all’Università IUAV di Venezia, a Londra alla Royal Central Royal School of Speech and Drama; inoltre conduce negli anni seminari drammaturgici in varie Università e centri teatrali europei (Catholic University of Leuven – Belgium; Dipartimento Spettacolo del Dams di Bologna, Università di Rennes, Francia; UniversitàIUAV di Venezia; Teaterhögskolan di Stoccolma (Svezia).