fanny and alexander | PIANETA GIALLO
920
post-template-default,single,single-post,postid-920,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,elementor-default

PIANETA GIALLO

laboratorio per bambini dai 5 ai 10 anni


Il laboratorio si propone come pratica teatrale per bambini di età elementare e al contempo come laboratorio pedagogico per insegnanti e educatori che vengono eletti a testimoni attivi delle pratica e ruolizzati in maniera precisa dentro i moduli di gioco-spettacolo a cui i bambini sono invitati.

I bambini saranno guidati a interagire, nel contesto di una semplice situazione narrativa (un combattimento, l’arrivo in un pianeta sconosciuto, l’incontro con un animale, il gioco delle scelte), con una serie di quesiti e piccole prove giocose, stimolazioni fantastiche e concrete, in un contratto ludico che varierà di volta in volta. I laboratori sono finalizzati allo sviluppo della capacità immaginativa del bambino in rapporto ai testi, alle immagini e alla percezione dello spazio in relazione a sé e agli altri, inoltre allo sviluppo di una germinale questione critica sulle problematiche del vivere quotidiano, del vivere in una società, delle regole morali e sociali, delle categorie astratte e concrete. Le riflessioni vengono sempre incluse in un modulo che vede i bambini al centro di una rappresentazione, protagonisti della storia che viene loro proposta e gli educatori e conduttori del laboratorio come deuteragonisti o antagonisti (in senso teatrale) del bambino sempre così stimolato a percorrere nuove e varie situazione e a porsi continue domande.

Un esempio possibile di micro narrazione (“Animale”) è quella che vede i bambini alle prese con un gorilla (impersonato dal conduttore) che devono educare, e rendere umano in un percorso che dalla paura e dalla diffidenza li conduce alla curiosità e alla tensione per il diverso, spingendoli a interrogarsi su cosa significhi educare, cosa significhi essere uomo e essere animale, cosa renda liberi, cosa sia il tempo e la sua percezione, cosa l’amore.

Il percorso formativo, da realizzarsi in collaborazione coi docenti delle classi, prevede moduli di due ore ognuno condotto da Chiara Lagani e preceduti da un incontro coi soli docenti che inquadra il modulo dentro un percorso didattico con finalità precise. Al termine dei moduli (o di una serie di moduli) è previsto un incontro con gli insegnanti per la costruzione condivisa di possibilità progettuali che riescano a mettere a frutto il percorso teatrale anche nel corso della restante attività scolastica dei bambini.