fanny and alexander | Da parte loro nessuna domanda imbarazzante
153
post-template-default,single,single-post,postid-153,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,elementor-default

DA PARTE LORO NESSUNA DOMANDA IMBARAZZANTE

tratto dalla tetralogia L’amica geniale di Elena Ferrante (Edizioni e/o)

con Chiara Lagani e Fiorenza Menni  | ideazione Luigi De Angelis, Chiara Lagani, Fiorenza Menni  |  drammaturgia Chiara Lagani / regia e progetto sonoro Luigi De Angelis  | cura del suono Vincenzo Scorza  | costumi Midinette |  organizzazione e promozione Ilenia Carrone, Tihana Maravic  | amministrazione Elisa Marchese, Stefano Toma | produzione E-Fanny&Alexander | in coproduzione con Ateliersi | ringraziamenti Andrea Argentieri, Enrico Fedrigoli, Francesca Pizzo, Giorgia Sangineto  |  testi della prima parte brani da L’amica geniale di Elena Ferrante  |  testi della seconda parte di Chiara Lagani (liberamente ispirati a Lyman Frank Baum, Toti Scialoja, Wislawa Szymborska)


 

1. L’Amica geniale, una lettura

Nel primo dei quattro romanzi del ciclo L’Amica geniale di Elena Ferrante, due bambine gettano per reciproca sfida le loro bambole nelle profondità di uno scantinato nero. Quando vanno a cercarle, le bambole non ci sono più. Le due bambine, convinte che Don Achille, l’orco della loro infanzia, le abbia rubate, un giorno trovano il coraggio di andare a reclamarle. Le due attrici, in questa lettura, si fanno fisicamente attraversare dal testo di Elena Ferrante, la storia è “detta” dai loro corpi e lascerà su di loro un’impronta indelebile.

2. Storia di due bambole, fotoromanzo animato

Qui ci sono solo due bambole. Sono forse le due bambole perdute? Nello spazio scuro e altamente simbolico in cui sono state abbandonate, le due figure si muovono e raccontano, senza parole, la loro storia. Che eventi si consumano nel recesso misterioso e non scritto (della storia, del romanzo) che le ha prima accolte e poi fatte scomparire? Quelle bambole non hanno voce per rispondere a questa domanda, ma nemmeno per farne di nuove.

Da parte loro nessuna domanda imbarazzante
e tu allora che cosa gli rispondi, invece di tacere con prudenza?
O di cambiare evasivamente il tema del sogno?
O di svegliarti al momento giusto?

W. Szymborska