fanny and alexander | Us
173
post-template-default,single,single-post,postid-173,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,elementor-default

US

IL TENNIS COME ESPERIENZA RELIGIOSA

PERFORMANCE-SPETTACOLO LIBERAMENTE ISPIRATA A OPEN DI A. AGASSI

 


ideazione Luigi De Angelis e Chiara Lagani | drammaturgia Chiara Lagani | regia Luigi De Angelis | musiche Mirto Baliani | realizzazioni scenotecniche Nicola Fagnani | con Lorenzo Gleijeses | e con la partecipazione speciale di Geppy Gleijeses | si ringraziano Gabriele Casamenti, Gianni Gamberini e Gabriele Rossi


 

Reti e recinzioni possono essere specchi. Ecco perché la cosa mette paura.” (DFW)

“US [uhs] = Noi [ˈnoi] pron pers: a. the objective case of we, used as a direct or indirect object: They took us to the circus. She asked us the way.[…] c. US = You and I = Noi due […] g.United States […]” (Dal lemma “Noi” del Collins Italian Dictionary)

US è un’onirica partita a tennis, giocata da un performer contro una macchina sparapalle. Oggetto concreto e arcano quel mostro non è il nemico, piuttosto è il partner di una danza. Con furia selvaggia il giocatore fa breccia attraverso i suoi stessi limiti: tra- scende, migliora, si vince. Infinitamente. Ai bordi del campo il padre/allenatore arbitra quel gioco impossibile, mentre l’intera partita si infiamma al ritmo incalzante dei colpi, dando vita al più paradossale dei concerti.