fanny and alexander | Promenada
447
post-template-default,single,single-post,postid-447,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,elementor-default

PROMENADA

concerto per voci, pianoforte, ondes Martenon o flauto, video e macchine del suono

 


orchestrazione Luigi de Angelis
 | drammaturgia Chiara Lagani | 
immagini video Zapruder filmmakersgroup
 | consulenza enigmistica Stefano Bartezzaghi | pianoforte Matteo Ramon Arevalos
 | ondes Martenot Bruno Perrault | flauto Filippo Mazzoli | macchine del suono Mirto Baliani
 | con Paola Baldini, Marco Cavalcoli, Chiara Lagani, Sara Masotti, Francesca Mazza | I brani delle opere di Vladimir Nabokov sono riprodotti in accordo con The Vladimir Nabokov Estate, nella traduzione italiana di Margherita Crepax


 

Trattasi di un evento concertistico-installativo – ultima cellula del progetto triennale Ada, cronaca familiare – il cui debutto ha avuto luogo il 13 luglio 2006 a Milano, al Festival La Milanesiana diretto da Elisabetta Sgarbi.
 In scena cinque attori e due musicisti eseguono una partitura per voci, pianoforte e ondes Martenot o flauto elaborata sulla base di brani musicali e testuali estratti da altre dimore del progetto Ada e proposti in una nuova formula in cui l’elemento del video trova per la prima volta una sua presenza nell’orchestrazione delle parti, portando in scena un diverso ordine concettuale.
Promenada, infatti, incentra proprio nel video-rebus realizzato in collaborazione con Stefano Bartezzaghi uno dei fulcri concettuali che lo propongono come nuovo affondo sulla relazione tra parola e immagine/immagine in movimento, oltre che su quella tra linguaggio e musica.
La tematica del gioco di parole e la riflessione sul linguaggio assumono così una valenza prioritaria e collocano nella medesima, nuova prospettiva tutti gli elementi che vanno a costituire la nuova partitura “linguistica”, da quelli vocali-recitativi, a quelli musicali e visivi.