fanny and alexander | AQUA MARINA
971
post-template-default,single,single-post,postid-971,single-format-standard,bridge/bridge,tribe-no-js,tribe-bar-is-disabled,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,elementor-default

AQUA MARINA

per tre attori, sipario e macchine del suono

Premio Ubu 2005 Miglior attrice non protagonista a Francesca Mazza

 


ideazione Chiara Lagani e Luigi De Angelis  |  regia, luci, macchine del suono Luigi De Angelis | drammaturgia e costumi Chiara Lagani | scene Luigi De Angelis e Antonio Rinaldi | musiche Giacinto Scelsi, Canti del Capricorno | con Marco Cavalcoli, Chiara Lagani, Francesca Mazza| movimenti di scena Antonio Rinaldi | realizzazione scenotecnica Antonio Rinaldi con Giovanni Cavalcoli, Lia Pari | decori Sara Masotti | detective della letteratura Margherita Crepax | maestri di ballo Edoardo Sebastiani, Elisabetta Ragazzini | sartoria Laura Graziani Alta Moda | promozione Sergio Carioli, Marco Molduzzi | logistica Sergio Carioli | amministrazione Antonietta Sciancalepore, Marco Cavalcoli | produzione Fanny & Alexander e Festival delle Colline Torinesi in collaborazione con Accademia Perduta / Romagna Teatri | con il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Provincia di Ravenna, Comune di Ravenna | con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Bagnacavallo | con il contributo di Romagna Acque – Società delel Fonti Spa e Hera Ravenna | si ringraziano il prof. Arnaldo Benini, Claudia Losi, Elisa Eusebi, Filippo Farneti, Renzo Palmieri, Farmacia Dradi | un grazie particolare a Stefano Bartezzaghi, alchimista d’alfabeti | Il cammeo di Ofelia interpretato da Francesca Mazza è una citazione dagli spettacoli di Leo de Berardinis  | I brani delle opere di Vladimir Nabokov sono riprodotti in accordo con The Vladimir Nabokov Estate, nella traduzione italiana di Margherita Crepax


 

… perché il cervello dell’uomo può diventare il miglior luogo di tortura fra tutti quelli da lui stesso inventati, istituiti e utilizzati per milioni di anni, in milioni di terre, su milioni di creature urlanti. (V. Nabokov)

Immaginate di trovarvi all’interno di un cervello. Questo cervello è, di fatto, un teatrino delizioso in cui alcune ossessioni prenderanno la forma di una rappresentazione. Pensate a questo teatrino come se fosse – per osceno e tragico che sia – una clinica medica, un ospedale psichiatrico al centro di un dramma. Il dramma a cui assisterete sarà quello contenuto nei primi tre capitoli di “Ada”, il famoso romanzo della nostra vita. Trattasi di Aqua, adolescente erratica, affetta da una terribile sindrome di esistalienazione, conseguenza del grande disastro che affligge tutta l’umanità, e che modifica in maniera enigmatica il codice stesso di questo racconto.
Ma sarà, la nostra, anche la storia di Marina, sorella di Aqua e attrice, sì, la Primattrice del nostro dramma. Sarà una storia d’amore e di gelosia. Entrambe le sorelle ameranno infatti lo stesso uomo, ovvero avranno lo stesso demone, Demon, appunto, rispettivamente marito di Aqua e amante di Marina. Voilà, l’intrico è fatto! Ed eccoci tornati nel teatrino! Qui Aqua verrà collocata al centro di un ruolo perfettamente estatico, quello della vittima, oggetto delle violenze e degli amori del mondo e del mondo del teatro.

A questo punto sarà unicamente compito vostro stabilire le seguenti cose:

1. Se questo cervello sia più teatro della clinica o viceversa.
2. Se la cattiveria di Marina sia più dannosa della bontà di Aqua.
3. Di quale delle due sorelle sia figlio quel bimbo di cui sempre si parla, e se il suddetto bambino sia poi mai veramente esistito.
4. Quale sia il “codice EL”, l’esatta soluzione dell’intricato plot, una sorta di prova finale insomma; in altre parole cosa sia indispensabile capire e trascurabile trascurare.
5. Chi sia, infine, il   vero morto e il vero vivo.

Tutto questo non potrà prescindere da un’ultima e fondamentale informazione, che avevamo dimenticato di darvi, ma di cui, forse, avevate già avuto indistinta intuizione: questo spettacolo sarà un vero dramma poliziesco, in cui a voi, e solo a voi, verrà assegnato il ruolo più ambito, quello del detective.

 

DATE PASSATE

11/12 /13  febbraio 2015  |   Bagncavallo (RA), Teatro Goldoni, NOBODADDY
6 aprile 2005   |   Urbino, Teatro Sanzio
14/15 giugno 2005    Torino, Teatro Gobetti, Festival delle Colline Torinesi
26 luglio 2018   | Volterra, Teatro Persio Flacco, Carte Blanche
20 aprile 2006  |   Cervia (RA), Teatro Comunale
22/24 giugno 2006  |   Torino, Teatro Gobetti, Festival delle Colline Torinesi
2  aprile 2007  |   Milano, Piccolo Teatro Studio

 

RASSEGNA STAMPA

 

foto Enrico Fedrigoli