fanny and alexander | ARDIS II
1068
post-template-default,single,single-post,postid-1068,single-format-standard,bridge/bridge,tribe-no-js,tribe-bar-is-disabled,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,elementor-default

ARDIS II

scrabble for 6 players, pianoforte, ondes Martenot e macchine del suono

 


ideazione Chiara Lagani e Luigi De Angelis | regia, scene e luci Luigi de Angelis | drammaturgia e costumi Chiara Lagani | fotografie Enrico Fedrigoli | macchine del suono Mirto Baliani | immagini video Zapruder Filmmakersgroup | effetti visuali P-Bart | consulenza enigmistica Stefano Bartezzaghi | con Matteo Ramon Arevalos (pianoforte), Paola Baldini, Marco Cavalcoli, Luigi de Angelis, Chiara Lagani, Sara Masotti, Francesca Mazza, Bruno Perrault (ondes Martenot) | realizzazione scenotecnica Giovanni Cavalcoli e Antonio Rinaldi con Âniko Ferreira da Silva, Sara Masotti, Simone Gardini, Rosa Anna Rinaldi | sartoria Laura Graziani Alta Moda | promozione Sergio Carioli, Marco Molduzzi | cura e ufficio stampa Marco Molduzzi | logistica Sergio Carioli | amministrazione Antonietta Sciancalepore, Marco Cavalcoli | produzione Fanny & Alexander, KunstenFESTIVALdesArts, La Rose des Vents-Scène Nationale de Villeneuve d’Ascq, Festival delle Colline Torinesi, Espace Malraux-Scène Nationale de Chambéry et de la Savoie | con il contributo di EniPower e della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna | Si ringraziano Electa – Antichità di Maria Carla Costa, Modisteria Anna Maria, Tiro a Segno Nazionale Ravenna, Farmacia Dradi, Oddone Baroncini, Gerardo Gridelli, Nina Muffolini, Venerina e Adelmo Masotti, Loretta Masotti, Paula Noah de Angelis, Agnese Arevalos, Filippo Zanzani, Anna Maria Bollettieri, Elisabetta Rivalta | un ringraziamento speciale a Thierry Thomson | I brani delle opere di Vladimir Nabokov sono riprodotti in accordo con The Vladimir Nabokov Estate, nella traduzione italiana di Margherita Crepax | I rebus sono utilizzati per gentile concessione de La Settimana Enigmistica – Copyright riservato


 

Ardis II è: un gioco di società, un gioco teatrale, un gioco di pazienza, un gioco di parole, un gioco d’azzardo, un gioco di scacchi attraverso il romanzo Ada, un gioco da bambini, un doppio gioco (gioco di enigmi, gioco di sogni). I giocatori (les acteurs, the players, gli attori) sono appassionati decifratori di enigmi, atleti (del gioco, del romanzo), sognatori (visionari, “viso in aria”).

L’oggetto del loro sogno non è che un’immagine come le altre. Il giocatore non si mette mai al suo posto, non la vive. Se la rappresenta solamente. Non gli trasmette sempre e necessariamente le informazioni di cui dispone e può tremare nel vedere questo fantasma, che lo rappresenta e in cui lui si identifica per una parte, avanzare imprudentemente verso un pericolo che sovrasta. Lo segue così come uno spettatore osserva a teatro gli eroi (Ada? Van?) mentre si accostano al sipario fatale dietro al quale è dissimulata la loro storia d’amore.

L’immagine del sogno è piena e vuota, è un enigma, un rebus. Quest’immagine dimora nello spettacolo, uno scintillio fuggitivo che continuamente appare e scompare. Quest’immagine si fa essenza. Il sognatore (uno spettatore?) presta la sua esistenza al suo simulacro, alla sua storia: da quel momento, bisogna pure che questo viva da qualche parte e in qualche modo.

Le immagini si dispongono in romanzi stravaganti (Ardis I? Ardis II?) ma non viene mai a mancare loro continuità.
Qui, allora, la questione vera è: qual è il criterio ordinatore dello spettacolo? Chi ci spiegherà che le immagini non si presentano invece in un perfetto disordine? Che si concatenano in storie e peripezie collegate…?


DATE PASSATE

11, 12 ,13, 14 maggio 2004, Bruxelles (Belgio), KunstenFESTIVALdesArts, Aegidium

18, 19 maggio 2004, Roubaix (Francia), Scènes Etrangères, La Rose des Vents-Scène Nationale de Villeneuve d’Ascq, Le Garage – Théatre de l’Oiseau-Mouche

19, 20 giugno 2004, Torino, Festival delle Colline Torinesi, Cavallerizza Reale

24, 25, 26, 27 novembre 2004, Ravenna, NOBODADDY, Teatro delle Albe – Ravenna Teatro, Ardis Hall

2 dicembre 2004, Jesi (AN), Intrecci – festival di scritture contemporanee tra teatro cinema e letteratura, Inteatro
Teatro Pergolesi (in collaborazione con Scuola Holden, a seguire incontro con Stefano Bartezzaghi)

28, 29 gennaio 2005, Modena, Emilia Romagna Teatro, Teatro delle Passioni

23, 24 giugno 2006, Torino, Festival delle Colline Torinesi, Cavallerizza Reale
5, 6, 7, 8, 9 luglio 2006, Roma, Teatro di Roma, Teatro India
 5 aprile 2007, Milano, Piccolo Teatro Studio di Milano