fanny and alexander | ARDIS I (LES ENFANTS MAUDITS)
1086
post-template-default,single,single-post,postid-1086,single-format-standard,bridge/bridge,tribe-no-js,tribe-bar-is-disabled,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,vertical_menu_outside_paspartu,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,elementor-default

ARDIS I (LES ENFANTS MAUDITS) 

cinema da camera per voci, pianoforte, ondes Martenot e macchine del suono


ideazione Chiara Lagani e Luigi De Angelis  |  regia, luci e scene Luigi De Angelis | drammaturgia e costumi Chiara Lagani | ondes Martenon Bruno Perrault
 | pianoforte Matteo Ramon Arevalos
  | macchine del suono Mirto Baliani | 
interpreti Luigi De Angelis, Marco Cavalcoli, Chiara Lagani, Sara Masotti
 | e con la partecipazione amichevole di Paola Baldini
  | immagini video Zapruder Filmmakersgroup
 | fotografie Enrico Fedrigoli
 | consulenza letteraria Luca Scarlini | 
realizzazione scenotecnica Marco Cavalcoli, Sara Masotti, Marco Molduzzi, Andrea Mordenti
 | sartoria Laura Graziani Alta Moda
 | promozione Sergio Carioli, Marco Molduzzi
 | ufficio stampa Marco Molduzzi
 | logistica Sergio Carioli
 | amministrazione Antonietta Sciancalepore, Marco Cavalcoli
 | produzione Fanny & Alexander, Ravenna Festival  | in collaborazione con Santarcangelo dei Teatri, Cineteca di Bologna e Xing | con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna | I brani delle opere di Vladimir Nabokov sono riprodotti in accordo con The Vladimir Nabokov Estate, nella traduzione italiana di Margherita Crepax


“Un giardino in una sala da concerto, e una galleria d’arte in quel giardino:
ecco una delle mie definizioni di arte”.
Vladimir Nabokov

Ardis I non è, propriamente, né uno spettacolo, né un film, né un concerto: è, a tutti gli effetti, un esperimento sulla percezione sinestetica.
L’opera ha una natura ibrida: né concerto, né spettacolo teatrale, né film, e al contempo tutto questo insieme, qualcosa di irreale e al contempo fortemente “realistico”.
Ancora una volta il percorso di Fanny & Alexander, a partire dalla più barocca delle opere di Nabokov, tende allo sfondamento dei piani, delle prospettive visive e sonore, alla creazione di una forma quasi imprendibile, eppure semplice come una definizione, come la definizione di arte che lo scrittore russo-americano stesso dava per primo: proprio una sorta di “giardino in una sala da concerto, e una galleria d’arte in quel giardino”.

 

DATE PASSATE

23-30 giugno, 1 e 2 luglio 2003  |   Ravenna, A.p.A.I. Casa dell’Arte, Ravenna Festival
6-12 luglio 2003  |  Longiano, Centro San Girolamo, Santarcangelo dei Teatri
2 ottobre 2003  |   Anversa (BE), deSingel, Dedonderdagen
7/8/9 ottobre 2003  | Berlino (DE), Podewil
4-8 novembre 2003  |   Rennes (FR), Théâtre National de Bretagne, Mettre en Scène, CCNRB – Centre Chorégraphique National de Rennes et de Bretagne
17/18/19 marzo 2004  |   Ravenna, NOBODADDY, Ardis Hall
19/20 giugno 2004  |   Torino, Cavallerizza Reale, Festival delle Colline Torinesi
28 luglio 2004  |   Dro (TN), Drodesera, Centrale Idroelettrica di Fies, sala turbine 2
2/3 febbraio 2005  |  Bologna, La Soffitta, Università di Bologna
15-20 marzo 2005  |  Napoli, Galleria Toledo
15/16/17  aprile 2005  |  Scandicci (FI), Teatro Studio, SentiMenti
22/24 giugno 2006  |  Torino, Cavallerizza Reale, Festival delle Colline Torinesi
5-9 luglio 2006  |  Roma, Teatro India
4 aprile 2007  |  Milano, Piccolo Teatro Studio

 

RASSEGNA STAMPA